ATTIVITA’ PRESCOLARE: LA PESCA DELLE LETTERINE

Oggi siamo andate a pesca di letterine in giardino.

Sissy e Moka a settembre inizieranno il secondo anno della Scuola Materna e iniziano ad approcciarsi alle lettere. Riescono a riconoscerle quasi tutte ma preferisco proporgli spesso attività che le aiutino a memorizzarle.

Questa attività aiuta i bambini a riconoscere le lettere giocando con loro. Noi oltre alle letterine abbiamo utilizzato anche delle simpatiche paperelle colorate per dare un tocco di colore in più che in un gioco non guasta mai.

Occorrente: bacinella, acqua, letterine di gomma, mestolo con i buchi

Abbiamo riempito la bacinella di acqua e poi vi abbiamo versato dentro delle letterine di gomma, dei numeri di gomma e delle paperelle.

Ho dato a Sissy e Moka due mestoli con i buchi. Io indicavo la lettera o il numero da pescare e loro dovevano individuare la tesserina corrispondente e pescarla con il mestolo bucato.

Le letterine di plastica sono le stesse più comunemente utilizzate per fare i tappeti per bambini, io ho trovato su Amazon questa versione piccola e me ne sono subito innamorata, così ho deciso di comprarla per Sissy e Moka.

Buon divertimento!

P.s. se decidete di fare questa attività lasciate un commento per farmi sapere com’è andata 😉

Attenzione: non tutte le attività proposte in questo blog sono adatte ai bambini. Prima di proporre un’attività ai bambini verificate che gli strumenti proposti possano effettivamente essere utilizzati da bambini e che l’attività sia adatta alla loro età. Qualora sia indicata un’età di utilizzo, la stessa deve intendersi come puramente indicativa. In ogni caso tutte le attività devono essere svolte sotto la supervisione di un adulto e i bambini non devono mai e per nessun motivo essere lasciati da soli (per continuare a leggere clicca qui ).

Metti MI PIACE alla mia PAGINA FACEBOOK per restare sempre aggiornata.

Seguimi anche su YOUTUBE, PINTEREST e INSTAGRAM

Torna alla HOME PAGE

 

Precedente Quando mettere a NANNA i bambini (tabella scaricabile) Successivo IN MACCHINA CON BAMBINI: COME AFFRONTARE IL CALDO

Lascia un commento