IL MIO BAMBINO TRATTIENE LA CACCA – LA PSICOLOGA RISPONDE

bimbi-creativi-bambino-trattiene-cacca

Molte mamme sono alle prese con il problema del bambino che trattiene la cacca. Quando questo problema dura nel tempo, in tante si chiedono come fare e come intervenire nel modo più corretto.

LA DOMANDA DELLA NOSTRA LETTRICE

“Mia figlia di 6 anni trattiene la cacca. Ho provato in tutti i modi a farle capire che non devo farlo e sono costretta a ricorrere spesso alla polverina. Come posso farle capire che non deve fare così”

LA RISPOSTA DELL’ESPERTA

A cura della Dott.ssa Marta Schivardi

 Cara mamma, trattenere le feci è una problematica piuttosto ricorrente nei bambini.

Bisogna innanzitutto capire come mai la bambina trattiene la cacca, le motivazioni possono essere di vario genere.

In primo luogo è bene sentire il pediatra; la bambina potrebbe provare dolore nella defecazione (ad esempio a causa di una ragade) e quindi cercare di evitarla il più possibile. Così come potrebbe invece trattarsi di stitichezza, dovuta a predisposizione fisica, oppure a fattori alimentari (poche fibre, poca idratazione, ecc).

Una volta valutate ed escluse le cause di ordine medico, rimangono le cause di tipo più psicologico.

Per alcuni bambini, la difficoltà con la cacca è dovuta ad una scorretta educazione all’uso del water. Aver tolto il pannolino troppo precocemente, può portare i bambini a non sentirsi sicuri, e a volte ad avere proprio paura di utilizzare il water. Anche i rituali di pulizia che si insegnano ai bambini, se troppo rigidi, possono portare il bambino a cercare di non sporcarsi. Se, ad esempio, ogni volta che il bimbo fa la cacca deve attenersi ad una rigida pulizia (ad esempio una lunga e accurata detersione), si potrà trovare in difficoltà se avrà lo stimolo a defecare fuori casa (a scuola, al centro commerciale, a casa di amici, ecc). Quindi tenderà a trattenere le feci, non sentendosi libero di espellerle.

In altri casi, l’atto di trattenere è legato alla difficoltà psicologica a lasciar andare, a separarsi da parti di sé, a separarsi dalle relazioni importanti. In questi casi è fondamentale lavorare sulla relazione che i genitori hanno con i figli.

Per la grande varietà di motivazioni che sottendono il disagio di sua figlia, non mi è possibile darle una risposta esauriente; bisognerebbe approfondire meglio le cause, e le dinamiche familiari di fronte alla problematica della bambina.

Qualunque sia la motivazione, posso però consigliare una cosa importante da fare, per qualunque bambino: farlo sentire Libero. Libero di fare ciò che pensa, libero di esprimersi, libero di pensare….nel caso di sua figlia, credo che lei possa farla sentire libera di sporcarsi. Provi a fare con lei le attività “sporchevoli”, quelle che le mamme non vorrebbero (perché dopo bisogna pulire tutto), ma che fanno così bene ai figli. La porti a giocare col fango, la lasci libera di imbrattarsi; magari poi la bambina si potrà sentire libera di imbrattare anche il water con la sua cacca!

Dott.ssa Schivardi Marta – c/o Studio Psicologia, Via Nazario Sauro 1, Desenzano d/g (BS) Cell. 328 6927349 – c/o Studio Medico Gonzaga Via Gnutti 74, Castiglione delle Stiviere (MN) Tel e Fax. 0376 673864 –schivardimarta.blogspot.com

Letture consigliate

Attività creative per bambini

Se cerchi delle attività creative da realizzare con i bambini dai uno sguardo a queste:

I libri di Irene Marzi – Bimbi Creativi

Se ti piacciono le idee creative, sostieni Bimbi Creativi acquistando i miei libri:

Link pubblicitari:

La foto di copertina è tratta da Canva.com

Attenzione: non tutte le attività proposte in questo blog sono adatte ai bambini. Prima di proporre un’attività ai bambini verificate che gli strumenti proposti possano effettivamente essere utilizzati da bambini e che l’attività sia adatta alla loro età. Qualora sia indicata un’età di utilizzo, la stessa deve intendersi come puramente indicativa. In ogni caso tutte le attività devono essere svolte sotto la supervisione di un adulto e i bambini non devono mai e per nessun motivo essere lasciati da soli (per continuare a leggere clicca qui ).

Metti MI PIACE alla mia PAGINA FACEBOOK per restare sempre aggiornata.

Seguimi anche su YOUTUBE, PINTEREST e INSTAGRAM

Torna alla HOME PAGE

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.