Bambini e lutto. La psicologa risponde

bimbi-creativi-come-affrontare-lutto-in-famiglia

All’interno di questo articolo puoi trovare dei link pubblicitari di prodotti che si possono acquistare su Amazon e/o su altri e-commerce. In qualità di Affiliato Amazon io ricevo un guadagno dagli acquisti idonei, per cui ti ringrazio per ogni acquisto che farai utilizzando i link pubblicitari.

Come affrontare il lutto con i bambini

Soprattutto in questo periodo dove c’è una pandemia mondiale in corso è importante saper gestire un lutto. Il lutto, soprattutto di un parente caro, è un evento che segna profondamente adulti e bambini, ma c’è un modo per affrontarlo in modo sereno? Chiediamolo all’esperta, la Dott.ssa Marta Schivardi.

LA DOMANDA DELLA NOSTRA LETTRICE

“Nel mese di aprile, a causa del Covid, abbiamo perso la bisnonna. Da allora mia figlia di 6 anni e mezzo sembra ossessionata dalla situazione. Ne parla continuamente, apparecchia la tavola per lei, la inserisce in quasi tutti i disegni… Pensavo fosse una situazione passeggera e che questi comportamenti fossero il suo modo per accettare la situazione. Ora però sono passati molti mesi, devo preoccuparmi?

LA RISPOSTA DELL’ESPERTA

A cura della Dott.ssa Marta Schivardi

Cara Mamma, la gestione del lutto nei bambini è un argomento molto ampio.
Inizio dalla sua ultima riga: “Ora però sono passati molti mesi, devo preoccuparmi?”. Una fase di lutto può avere una durata variabile; diciamo che, per una buona risoluzione del lutto, serve almeno un annetto. Ovviamente ogni persona ha il suo tempo, ma tenere presente i 12 mesi come tempo medio serve per comprendere che 1 mese o 20 anni sono tempi che non corrispondono ad una sana elaborazione del lutto.
Quando una perdita accade nella vita di un bambino, ecco che lui si trova di fronte ad una situazione strana, e per certi versi incomprensibile ai suoi occhi. È consigliabile allora dedicare del tempo al confronto col bambino. È necessario parlare apertamente della morte con lui, con un linguaggio che sia adatto alle
diverse età del piccolo. In questo ci vengono in aiuto molti libri o film che riguardano proprio il tema della perdita (ad esempio i classici Bambi, Dumbo e Il Re Leone, ai più moderni Coco e Onward). Guardare o leggere una storia che tratta il tema della perdita ci può aiutare a parlare di un argomento così delicato con i bambini, e possono emergere anche molte domande che magari per noi adulti sono scontate.
È anche importante una nostra riflessione sul significato che ha per noi adulti la morte. I bambini hanno una sensibilità molto forte, e percepiscono il dolore genitoriale, anche quando non viene apertamente detto. Se un genitore è molto sofferente per una perdita, anche il bambino percepirà la stessa sofferenza, ma potrebbe non capirne le reali motivazioni, e fantasticare creando delle sue personali ragioni che possono anche rivelarsi dannose. Ad esempio, molti bambini credono che il parente defunto se ne sia andato per colpa loro; questa convinzione, se non affrontata, può diventare negli anni causa di forte sofferenza psichica.
Per questi motivi è bene confrontarsi coi figli, portando la propria personale esperienza (“A me capita di sentirmi triste”, “Mi fa arrabbiare questa situazione”, “Mi manca molto”, ecc).
Rispetto al periodo attuale, e dei mesi passati, forse la situazione è stata ancora più complicata. Dalla sua domanda non si capisce, ma sarebbe interessante conoscere le modalità con le quali avete potuto gestire la perdita. Purtroppo sappiamo tutti che per diversi mesi non è stato possibile fare funerali come da
consuetudine, e mi chiedo se può essere stato il vostro caso. Potrebbe darsi che sua figlia non abbia avuto modo di comprendere ed iniziare ad elaborare la perdita della bisnonna con i consueti rituali (veglia, rito funebre, sepoltura), il che rende tutto più complesso. Potreste anche pensare di trovare insieme un piccolo rituale quotidiano per “salutare” la bisnonna; guardare una sua foto e raccontarle la giornata, raccogliere foto o effetti personali in una scatola dedicata, o attività simili in modo che i pensieri riguardo la perdita siano “confinati” in momenti precisi, e non invadano il resto delle attività quotidiane.
Insomma, io non mi preoccuperei per la sua situazione, ma credo che sua figlia abbia bisogno di capire meglio quanto accaduto, e di essere accompagnata in questo lungo processo di comprensione.

Dott.ssa Schivardi Marta – c/o Studio Psicologia, Via Nazario Sauro 1, Desenzano d/g (BS) Cell. 328 6927349 – c/o Studio Medico Gonzaga Via Gnutti 74, Castiglione delle Stiviere (MN) Tel e Fax. 0376 673864 –schivardimarta.blogspot.com

Libri consigliati per affrontare un lutto

Link pubblicitari:

Leggi anche:

Sostieni Bimbi Creativi

Se ti piace la creatività sostieni Bimbi Creativi acquistando i miei libri:

Link pubblicitari:

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER  riceverai GRATIS n. 5 schede pdf per fare lavoretti 🙂 

Colora, taglia e incolla!
Il nuovo PDF gratuito di Bimbi Creativi.
Ricevilo subito

Attenzione: non tutte le attività proposte in questo blog sono adatte ai bambini. Prima di proporre un’attività ai bambini verificate che gli strumenti proposti possano effettivamente essere utilizzati da bambini e che l’attività sia adatta alla loro età. Qualora sia indicata un’età di utilizzo, la stessa deve intendersi come puramente indicativa. In ogni caso tutte le attività devono essere svolte sotto la supervisione di un adulto e i bambini non devono mai e per nessun motivo essere lasciati da soli (per continuare a leggere clicca qui ).

Metti MI PIACE alla mia PAGINA FACEBOOK per restare sempre aggiornata.

Seguimi anche su YOUTUBE, PINTEREST e INSTAGRAM

Torna alla HOME PAGE

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.